Sicurambiente

consulenza al servizio dell'ambiente

consulenza ambientale & sicurezza sul lavoro

 supporto e assistenza ai fini dell'adeguamento normativo in materia di ambiente e sicurezza sul lavoro 

al servizio di imprese, istituti, enti pubblici e privati

APPROVVIGIONAMENTO IDRICO

 scopri il nostro servizio di consulenza

  1. quadro normativo di riferimento
  2. soggetti obbligati
  3. adempimenti
  4. sanzioni

 

1° sezione: normativa di riferimento (elenco leggi in ordine cronologico):

Normativa nazionale

  • Regio Decreto n.1775 dell' 11/12/1933
  • D. Lgs. n.275 del 12/04/1993
  • D.M. n.185 del 12/06/2003
  • Parte Terza del D.Lgs. n.152 del 03/04/2006 (Testo Unico Ambientale)

Normativa regionale

  • Decreto n.3/Reg. Abruzzo del 13/08/2007

Normativa specifica

  • Regolamento dell’Ente Gestore o dell’Autorità d’Ambito Competente (es. Consorzio, Comune)

 

2° sezione: soggetti obbligati

  • qualunque attività industriale / artigianale che utilizzi acqua pubblica prelevata da corpo idrico superficiale o da acque sotterranee e sorgive, per diversi scopi (industriale, civile, igienico, antincendio, ecc.).

 

3° sezione: adempimenti

  • denuncia dell’esistenza del pozzo all'Ente di competenza;
  • richiesta di allaccio all’opera di captazione presente (acquedotto pubblico, canale/condotta consortile);
  • richiesta di specifica autorizzazione (domanda di concessione / licenza di attingimento) per il prelievo del volume di acqua necessario da destinare ai diversi scopi (industriale, igienico, civile, antincendio, ecc.);
  • pagamento annuale dei canoni, valutati sulla base della tipologia di utilizzo dell’acqua prelevata.

 

4° sezione: sanzioni

sono previste sanzioni amministrative per stabilimenti che:

  • non siano in possesso dell'autorizzazione;
  • violino gli obblighi e le prescrizioni stabilite dal provvedimento di autorizzazione.

 

 

scopri il nostro servizio di consulenza